brezel & caffè: episodi, aneddoti e avventure di vita studentesca in Germania
Racconti

Brezel & Caffè #1: i WG parties

“Sai cosa mi manca? Partecipare a un bel WG party. Andare a casa di un amico, portare le mie bottiglie di birra e conoscere altre persone invitate alla festa. Una banalità, eppure mi manca tanto.” È ormai da un anno che siamo costretti a rinunciare a eventi, feste, concerti e discoteche. Per questo, proprio qualche giorno fa, parlavo con un’amica di quanto mi mancano questi momenti di socialità. Ci siamo ricordate delle feste, delle partite di beer pong, delle conversazioni con sconosciuti diventati poi amici. I WG parties sono questo e molto più: un modo di socializzare fondamentale nella vita di uno studente in Germania. Ed è proprio di questo che ti voglio parlare in questa prima puntata di Brezel & Caffè.

🥨☕ Di brezel & caffè, nei cinque anni passati in università, ne ho mangiati e bevuti tanti. Per questo sono diventati un po’ il simbolo della mia vita studentesca in Germania – tanto da dare il nome a questa rubrica mensile, in cui ti racconto episodi, aneddoti e avventure che fanno parte di ogni studente e studentessa in Germania! Pronto/a a entrare anche tu nella vita di un campus tedesco? 

Qui troverai tutti gli episodi di Brezel & Caffè.

L’invito

“Hey, hai tempo sabato sera? Organizzo un WG party!” Ed eccolo, l’invito di quell’amico e quell’amica che decide di organizzare una festa a casa sua. Perché è di questo che si tratta: una festa in casa. WG è l’acronimo di Wohngemeinschaft = appartamento condiviso. Più persone ci abitano, più alta è la possibilità che qualcuno di loro organizzi una festa. Quindi ecco, una volta che vieni invitato, sei entrato nel club. Ma no, non immaginarti una festa in cui gli invitati sono seduti e si bevono una birretta tranquillamente. No. Immaginati una FESTA. Con tanto di regole che devi assolutamente rispettare, se vuoi aggraziarti il proprietario di casa e farti invitare un’altra volta.

Le regole dei WG parties

Perché di regole, quando si tratta di WG, ce ne possono essere davvero di tutti i tipi. Partiamo inannzitutto con le regole base:

  • Portati da bere. Non tutti i padroni di casa lo offrono (anche perché spesso gli invitati sono tanti e, insomma, parliamo pur sempre di un budget da studenti);
  • Mangia prima di andare alla festa. Vedi punto precedente;
  • Se vuoi portare amici o amiche, chiedi sempre il permesso al proprietario di casa. Non fa piacere invitare tre persone e vederne arrivare 10 che non conosci;
  • Mettiti delle calze carine e pulite. Probabilmente ti dovrai togliere le scarpe (in Germania si fa così quando si entra in casa).

Ma non è finita qui. Il proprietario di casa potrebbe decidere di applicare regole molto originali per il suo WG party. Giuro che mi è capitato di partecipare a feste in cui:

  • Gli invitati dovevano mordere una rapa appesa a un filo, rigorosamente senza usare le mani (non sto scherzando);
  • Il dresscode doveva ricordare qualcosa che comincia con la C (tra gli invitati c’erano Coco Chanel, Chiquita o Captain America);
  • All’entrata ogni invitato doveva bere uno shot alla menta o scrivere un messaggio per il proprietario di casa.

La festa

Bene, immaginati di arrivare a casa dell’invitato. Già dalla strada hai sentito la musica a palla, sai da dove arriva. Nella borsa hai le tue due bottiglie di birra. Sei pronto/a a entrare. La porta del condomio è aperta, ti basta salire le scale seguendo la musica. Eccoti, davanti alla porta.

Appena la apri, potresti trovarti davanti a due scene: se arrivi troppo presto, l’appartamento è ancora vuoto e i pochi invitati stanno bevendo la loro prima bottiglia di birra. Puoi unirti a loro e fare un po’ di conversazione prima che arrivino tutti gli altri. Se arrivi invece più tardi è probabile che troverai gente ovunque: nel pianerottolo, in cucina, sulle scale, nelle camere, nel corridoio a fare la fila davanti al bagno. In questo caso il punto cardinale della festa è il tavolo da beer pong: lì trovi sicuramente persone disponibili con cui giocare.

Non sai cos’è il beer pong? Il beer pong è lo sport nazionale degli studenti in Germania! Ti lascio un video in cui ti vengono spiegate addirittura le regole (è un gioco da prendere molto seriamente). Da parte mia sappi solo che ogni festa che si rispetti ha un tavolo da beer pong in un angolo della casa.

Il bello dei WG parties sta proprio nella spensieratezza e nella condivisione che si creano in questi momenti. Si gioca, si chiacchiera, si conoscono persone nuove che come te studiano nella tua università. Certo, ci sono alcuni limiti (alcolici e non) che sono assolutamente da rispettare: uno tra tutti il rumore. I tedeschi sono molto sensibili e spesso capita che i vicini arrabbiati vengano a bussare alla porta minacciando di chiamare la polizia. Attenzione quindi a goderti la serata usando la testa!

Il mattino dopo

Ogni volta che ho partecipato a un WG party, mi sono chiesta in che stato sarebbe stata la casa il giorno dopo. Non oso immaginare. Soprattutto nelle feste con più invitati, capita di vedere birra rovesciata sul parquet, scarpe sporche e oggetti cambiati di posto… no grazie. Ecco perché credo che sia bello partecipare a una festa, ma molto meno organizzarla a casa propria!


La vita da studenti in Germania ha tanto da offrire, te l’assicuro! Ti stai informando per fare un Erasmus o studiare qui? Comincia a informarti con i miei articoli su come funziona il sistema universitario tedesco o quanto costa l’università in Germania.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *